Presentazione del libro ” volevo essere James Bond” – Graus Editore

News

Pietro Graus e Gemma Gesualdi hanno il piacere di invitare gli amici del Brutium alla presentazione del libro:

“Volevo essere James Bond”
E Federico rideva…rideva…
di Claudio Ciocca
Graus editore

Mercoledì 17 Febbraio 2016 ore 17.30
Casa del Cinema
largo Marcello Mastroianni, 1  Roma

Intervengono:
Sergio Zavoli
Lina Wertmuller
Ettore Nuara

Modera:
Enrico Magrelli

Volevo essere James Bond… è uno zibaldone di ricordi, aneddoti di emozioni di un oste, Claudio Ciocca, dall’animo di fanciullo, genuino, spontaneo, artista poliedrico, amante delle donne, narciso, interprete di una vita sorprendente e irripetibile.
“Claudio Ciocca è stato, tra gli amici di Federico, il più discreto e prezioso che io ricordi; del resto ricambiato abbondantemente dal grande regista, che ne aveva fatto una sorta di provvido rabdomante dei suoi umori, notoriamente mutevoli. Ciocca fu per Fellini più di un portafortuna, al punto di vedersi assegnare una funzione benefica qualunque fosse il bisogno quasi infantile di essere rassicurato. Si sono voluti bene, con la puntualità e l’allegria di due singolarissimi complici.”
Sergio Zavoli
“Sono nato per caso a Roma, perché mia madre romana ci teneva e immediatamente tornato a Grottaferrata dove sono nato.
La mia fanciullezza l’ho vissuta in mezzo ai vigneti di questo Colle, come il resto della mia adolescenza, tra il verde e la pace di questa meravigliosa terra. Ho concluso i miei pochi studi all’Istituto Salesiano di Villa Sora.
A diciassette anni ho intrapreso la carriera di calciatore iniziando nelle giovanili della Lazio, ma poiché ero romanista mi trasferirono in Sicilia, sfortunatamente un incidente al ginocchio mi ha precluso quella che sarebbe stata una carriera
stratosferica. Claudicante ho così iniziato a lavorare all’Osteria del Fico Vecchio, di proprietà dei miei avi.
Attratto da sempre dal mondo del cinema e catturato da esso, ho lavorato in parecchi film nell’arco di quarant’anni.
Oggi, a distanza di qualche anno, con i capelli bianchi e lo spirito intatto da fanciullo, ho voluto provare a scrivere un libro di ricordi dedicato al mondo che più ho amato… Il Cinema”.
Claudio Ciocca